Le cellule epiteliali sono giuntate tra di loro dai “desmosomi” (link) proteine che funzionano come collante. In condizioni normali e di alimentazione corretta, questi saldatori proteici permettono l’impermeabilità dell’organo, ma se le infiammazioni si protraggono e i carichi tossinici permangono, queste giunzioni vengono distrutte ed il nostro “tubo” comincia a dilatarsi, e quindi a “perdere”. I carichi tossinici e le infiammazioni che causano questa dissaldatura, nella mia esperienza personale e vagliata dalla mia alimentazione in base al mio Gs, posso riportarli ad una carenza di alimenti proteici di origine animale. Nei miei trascorsi di ricerca degli alimenti compatibili, ho tentato sia la strada del vegetarianesimo e del veganesimo, ma, a causa delle problematiche connesse alla diminuita, e poi eliminata, assunzione di nutrienti di origine animale, ho desistito dal perseverare, riottenendo, in pochissimo tempo, energia e ripristino di condizioni ottimali di salute. Al contrario un mio amico con problematiche sovrapponibili alle mie ma Gs Zero, che ha continuato (inglobando anche protocolli alimentari crudisti), ha sviluppato problematiche a livello epidermico ascrivibili, al netto delle attuali conoscenze, a pemfigo. Il ripristino anche per lui di uno stato di salute accettabile, fu possibile dopo la reintroduzione delle proteine di origine animale. Ovviamente trattasi di personali ed individualizzate esperienze, pertanto devono essere prese per quello che sono senza alcun valore di indirizzo o statistico.

A questa situazione deficitaria e infiammatoria sono correlate sintomatologie tipiche e atipiche quali:

Addome gonfio e dolori ileo-cecali, bruciori e reflussi, stitichezza o al contrario dissenteria, improvvisa positività ad intolleranze alimentari, improvvisa comparsa o riacutizzazione di dolori muscolari o articolari (in particolare per i Gs Zero… NDA)  in molti casi crampi (comunemente scambiati per sola carenza di potassio…NDA) spossatezza e senso di affaticamento generalizzato, nel mio caso tre linee di febbre fissa, dermatiti o problematiche improvvise della cute, difficoltà nella concentrazione e diminuizione della memoria, la sempre presente candidosi che dovrebbe essere ritenuta un campanello di allarme sulle condizioni del nostro intestino, ma che molto spesso non viene tenuta in considerazione e viene combattuta con antibiotici, innescando generalmente problematiche maggiori.

Ricordatevi sempre che NON sono un medico ma un cuochino e pertanto prendete i miei spunti di riflessione sempre come tali.

Nella terza parte entreremo nel discorso alimentazione corretta, o si spera tale, e parlerò delle mie esperienze personali con i test individualizzati su me stesso.

http://www.ibsgroup.org/

http://colostrumtherapy.com/component/content/article.html?id=99:leaky-gut-syndrome

http://www.anapsid.org/cnd/diffdx/leakygut2.html

http://www.mdheal.org/leakygut.htm

About these ads