Tag


Un esempio di come la saggezza dei popoli accompagni l’evoluzione! I Cinesi lo utilizzano da tempo immemorabile avendone comprese le caratteristiche. Per i Giapponesi era considerato solo come uno dei passaggi nella lavorazione del tofu…Recentemente, tuttavia, alcune considerazioni sulla qualità dei grassi del latte animale, la superiorità del valore salutare degli olii vegetali e, non ultimi, i costi, hanno fatto sorgere sul mercato una grande quantità di bevande a base di latte di soia. La bevanda ha un odore particolare, e noi Occidentali, ma anche i giapponesi, fanno di tutto per eliminarlo o modificarlo. Chi è abituato al latte vaccino fatica a gradirne il sapore e l’odore. 

Preparazione

Il latte di soia viene prodotto lasciando ammorbidire a bagno per una notte i faglioli, macinandoli con l’aggiunta di acqua, portando il composto al punto di ebollizione e, quindi, filtrandolo. La quantità di acqua richiesta dipende dalla concentrazione che si vuole dare al prodotto finale. Moltissimi sono i metodi utilizzati per combattere l’odore del altte di soia. Tra questi il frullare i fagioli con acqua calda, scaldarli nel forno a microonde per un breve periodo etc.. Alcuni ritengono che, essendo un enzima, la lipossigenasi, ad ossidarsi e rilasciare gli aromi sull’olio, sia preferibile cuocere al vapore i fagioli prima della macinazione. Ma per tutti questi sistemi, i più in voga, è essenziale controllare il calore prima che le proteine diventino insolubili. Una volta filtrato il tutto, otterremo il latte e l’okara, utilissimo nella preparazione di una moltitudine di pietanze, come la “tartare di okara” del mio  2°menù.

Benefico per GS A – neutrale per GS 0+AB – dannoso per GS B

Annunci