Da tre settimane, a causa del caldo anomalo ed alla mancanza di precipitazioni, si osserva un picco di incidenze fastidiose quali sinusiti, muco in eccesso, dolori articolari, sonno agitato, pruriti, dermatiti, lacrimazioni etc. che potrebbero essere ricondotte, coadiuvate da alimentazione scorretta e sbilanciata, a forme allergiche, che rimangono latenti e subdole fino a quando una condizione tale non scatena nell’organismo le reazioni tipiche ai pollini. Senza addentrarmi nelle problematiche scatenanti, che per me sono sempre riconducibili all’ingestione di tossine, volevo consigliare, a chi ne avesse voglia, una passeggiata per prati alla ricerca e raccolta delle tenere foglie di ortica. Utilizzata in infusione, da sola o con camomilla, aiuta a mantenere sotto controllo questi fastidiosi malesseri. Le radici però sono da raccogliere in autunno. Con le foglie, inoltre, si possono preparare succulenti risotti e meravigliose torte salate, farcire ravioli e, cotte al vapore e bevendone la rimanenza liquida, forniscono un’ampio spettro di sali minerali energizzanti. Utilizzate sempre guanti durante la raccolta e riponete in sacchetti di carta, MAI la plastica. Antielmintico che utilizzo nei miei protocolli individuali ma ricordo che questi sono solo consigli di un signor nessuno, ma che sono sempre disponibile a confrontarmi con le persone più attente e responsabili. 🙂

Annunci