Skip to content

Inverno alle porte: prima parte

23 ottobre 2015

Ciao!

Oggi ci occuperemo dei primi freddi e di come tentare di contrastare le problematiche ad essi connessi.

 

Non possiamo affermare sempre che il “freddo sia la causa” unica ed inconfutabile dell’insorgenza delle varie e molteplici affezioni che caratterizzano l’andamento dei mesi invernali, preferisco vederlo come lo “strumento principe” che la natura utilizza per riposarsi e rigenerarsi in tutte le dinamiche biologiche, chimiche e fisiche.

Se partiamo da questo presupposto, non sarà difficoltoso calarci noi stessi in queste dinamiche e vederci parte biologica attiva che necessita di rigenerazione dopo la “vitalità” connessa ai periodi primaverili ed estivi.

Se non fossimo alterati da scorrette abitudini alimentari e dall’assunzione di tossine quotidiane, questo rappresenterebbe il tempo della “disintossicazione” messo in atto per una nuova “rigenerazione”.

Pensiamo come in natura le varie specie animali e vegetali approcciano questo lungo periodo: riposo, con sospensione di ogni forma di dispendio energetico “futile” e non necessario.

Le piante si spogliano delle foglie per concentrarsi sull’immagazzinamento dell’energia necessaria allo sviluppo delle gemme, molti uccelli migrano alla ricerca di fonti alimentari più abbondanti e svestono i piumaggi da “parata nuziale” primaverile per assumere colorazioni meno sgargianti e sommesse, i mammiferi accumulano scorte ed alcuni si ibernano, e rettili, anfibi e insetti chiudono il ciclo biologico estivo ritornando all’abbaccio protettivo di terra e acqua.

Molte specie però hanno sviluppato la capacità di resistere e sopportare le temperature in picchiata della stagione invernale: tra queste l’uomo, da sempre predatore e abile immagazzinatore di scorte e della loro gestione.

Cosa c’entra questo “cappello” introduttivo con raffreddori, bronchiti, febbre et altro?

Stiamo parlando di genetica, di trasmissioni infinitesimali ma potentissime che ci hanno permesso di essere qui, ora, a leggere queste righe.

Sono le nostre informazioni per la sopravvivenza, derivanti da migliaia di anni di evoluzione, e che conserviamo al nostro interno. Stiamo parlando del meraviglioso e complesso sistema denominato “Sistema Immunitario”, la nostra corazzata personale e unica, che ci protegge dai nemici esterni ed interni.

Spero di aver chiarito almeno da dove arriviamo e quale sia stato, ed è, il percorso evolutivo che portiamo dentro di noi.

Sarà così più semplice comprendere che nel nostro DNA non si trovano tracce di innumerevoli “nutrienti” che ci allontanano da questo percorso evolutivo: zuccheri raffinati, additivi, alimenti fuori stagione, cariche di lattosio, coloranti e conservanti, amidi potenziati e composti chimici denominati “aromi” concorrono alla manipolazione del nostro DNA.

L’assunzione continuativa di queste tipologie di falsi “nutrienti” deprime il nostro Sistema Immunitario mandando in riserva le noste scorte energetiche rallentando, o impedendo, le principali sintesi biochimiche. A questo punto il nostro povero fisico è debilitato e impotente verso tutti quegli “intrusi esterni” che si presentano al nostro cospetto e che tentano di insediarsi dentro di noi, e le nostre sentinelle, gli “antigeni” fiacchi e assonnati, poco possono fare per bloccarli all’ingresso!

Se poi assumiamo come dato di fatto che stress, mancanza di riposo, lutti o accadimenti sgradevoli, lavoro, etc. etc. contribuiscono per la loro parte agli innalzamenti di Cortisolo, Adrenalina e Noradrenalina….il gioco è fatto.

E ancora diamo poi per scontato che la maggior parte di noi non si ricorda mai che, quel semplice gesto di portare un bicchiere alla bocca comunemente chiamato “BERE”, è di vitale importanza per garantire la massima efficienza a tutto il sistema!

In siffatta situazione di continuo allarme e depressione bio chimica, diamo tutta la colpa ai “rigori invernali” quando insorgono le famigerate problematiche annesse e connesse…..

Cosa fare?

Innanzitutto il primo passo da compiere è quello della Consapevolezza! La responsabilità primaria del mio stato di salute dipende solo da quanto sono disposto a fare per stare bene!

Se consapevolizzo questo, rinunciare gradualmente all’assunzione di quei “nutrienti” non sarà così difficile.

E il fisico reagisce immediatamente, lo posso garantire!

Già sono partite le campagne vitamina C dagli agrumi, calcio dai prodotti lattiero caseari, integratori superpotenziati….. ma non vedo alcuna campagna dedicata alla lettura e comprensione delle etichette sui prodotti pre-confezionati, per esempio….

Fra i “nutrienti” che si dovrebbero limitare al primo posto metterei il Frumento. Che sia grano duro, bianca, integrale, grani antichi etc.., porta con se una proteina particolare e particolarmente aggressiva e selettiva: Lectina del Grano. Attenzione! Non stiamo parlando del Glutine, componente proteico formato da amidi e proteine e che ben conoscerete, ma di altro, di una molecola proteica molto insidiosa e particolare che si lega alle cellule, attirata dagli amidi che le avvolgono. E’ un abbraccio mortale, perlomeno in questo caso, chiamato Agglutinazione. E’ come se in quel preciso punto le attività chimiche fossero bloccate. Tanti di queste situazioni danno vita a molteplici blocchi che, dai oggi e dai domani, denaturano le funzioni primarie di quell’organo o di quel sistema.

Per approfondire meglio la questione rimando a questo link in particolare a coloro che sono interessati alle teorie della nutrizione in base al proprio Gruppo Sanguigno. Ma una sbirciata curiosa possono dargliela tutti…

Quindi, tanto per quagliare: provare a limitare il Frumento, gli zuccheri raffinati, gli additivi e tutto quanto citato è davvero così difficile?

Incominciare a sostituire questi “nutrienti” con altri, e sul sito se ne trovano, magari impegnandosi anche “manualmente” con un approccio “del fare” e non più dell’”aspettare la pastiglia miracolosa” è davvero così complicato? Mie ricettine semplici le trovate sia sul sito che sulla pagina Fb di Seeed.it

Non credo, perlomeno se guardo all’esperienza che già molti di voi hanno fatto o stanno facendo.

Mi pare di aver messo già molta “carne al fuoco”, mi perdonino gli amici Veg…e sono pronto al contraddittorio.

Direi che vi ho rubato già molto tempo e mi fermo qui.

Vi abbraccio tutti

Buona salute

 

Lux

 

Annunci

From → Parliamone....

2 commenti
  1. Grande amica mia, ti abbraccio

  2. Anonimo permalink

    E’ sempre un piacere leggerti, anche se ormai sò già cosa vado a leggere 🙂 I tuoi consigli sono sempre saggi…basta davvero così poco a volte x stare bene, ma a volte ci si dimentica e ci si fa comandare dalla gola!
    Un abbraccio grande amico caro!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: