LO ZUCCHERO RAFFINATO

Conosci il livelli dello zucchero nel tuo sangue in questo momento?

Prima di rispondere no, pensa a cosa hai messo in bocca nelle ultime ore: prodotti a base di Frumento trattato con Glifosati a colazione, una mela matura, uno yogurt con frutta, un cappuccino, un biscottino Gluten-Free, fette biscottate di Frumento e Marmellata, 100gr di frutta secca trattata, crespelle o cake con farine esotiche a noi lontane, abbinamenti leguminose e cereali o frutta? Bene, c’è una elevata possibilità che il tuo livello di zucchero sia già altissimo. Proprio così. Ormai siamo zucchero-collegati praticamente tutto il giorno, soprattutto in questa nostra opulenta società occidentale. Il format della colazione per noi Italiani: la brioche della colazione col cappuccino col cuoricino, un altro dolce caffè nella pausa lavoro, o un succo di frutta industriale, poi gli spaghetti di frumento a pranzo con i salatini dell’aperitivo o il paninozzo mangiato di corsa, o la pizza, e infine la minestrina, però integrale, della cena…Il calcolo è fatto: un adulto medio praticamente introduce circa 30 cucchiaini di zucchero al giorno! il nostro sangue assomiglia ad un dolce sciroppo e i numeri sulla bilancia si spostano sempre più in avanti così come i valori infiammatori.
I carboidrati costituiscono solo 1% del corpo umano, mentre le proteine il 15%, il 15% sono le sostanze grasse, e le sostanze inorganiche il 5% . Il resto è acqua.

Ma non sto demonizzando tutti carboidrati, che tanto aiutano noi Crohn o RCU nelle fasi di riequilibrio e che utilizzo nei menù di ripristino ma, tuttavia, i carboidrati raffinati sono gli alimenti più consumati sin da piccolissimi e hanno lavorato molto per destabilizzare il nostro sistema immunitario.

Circa il 40-50% delle calorie quotidiane è assunta sotto forma di carboidrati: fruttosio (zucchero della frutta), lattosio (lo zucchero del latte), saccarosio (lo zucchero comune), gli amidi contenuti nei prodotti industriali . Aggiungi tutti gli additivi presenti sulle etichette: destrano, destrosio, fruttosio, galattosio, sciroppi (di mais, datteri, riso, carruba, frutta, medicinale..), caramello, zucchero di cannella, di canna, di noce di cocco, di uva, zucchero a velo, disaccaridi, eritritolo, glicerolo, miele, zucchero invertito, levulosio, malto, maltosio, mannitolo, melassa, monosaccaride, estratto di riso, sorbitolo, saccarosio…e non se ne viene fuori. I produttori dei cibi piacevoli al gusto, anche quelli che non sono dichiarati come veri dolci, come i panini degli hamburger, le patatine fritte, le pietanze precotte, le carni in umido, il pesce al forno, ecc, mettono zuccheri nelle loro invitanti proposte. Nei paesi occidentali, il consumo annuo di saccarosio per persona è compreso tra 40 e 50 chilogrammi, mentre in quelli più poveri è di circa cinque chilogrammi. Questa crescita esponenziale si è verificata soprattutto negli ultimi cento anni, grazie o per colpa dell’industrializzazione. La produzione mondiale del saccarosio alimentare è aumentata da 8 milioni di tonnellate nel 1900 a quasi 88 milioni già negli anni ’80. Nessun altro cibo umano ha mostrato un aumento della produzione di questa entità nello stesso periodo. La quantità di saccarosio prodotta in un paese è addirittura diventata un indice del suo reddito medio. Parallela alla crescita esponenziale della produzione e del consumo dello zucchero è quella dell’incidenza delle malattie. Obesità, il diabete, il cancro, l’infarto, le carie dentali e il Morbo di Crohn e RCU. Le statistiche sulla escalation dell’obesità parlano chiaro. Più aumenta il consumo di zuccheri e carboidrati raffinati, più la popolazione ingrassa. La relazione è indiscutibile. Una volta introdotto col cibo, lo zucchero, se non è utilizzato per l’energia, viene trasportato al fegato dove viene trasformato subito in grasso (ecco da cosa dipende la steatosi) e anche alle altre cellule, e anche qui diventa grasso. Per noi MICI la base primaria della Detox è l’eliminazione degli Zuccheri raffinati. Poi si potranno ricercare i carboidrati corretti in base alle nostre caratteristiche e introdurli come strumenti utili, ma primariamente si dovranno eliminare tutti gli zuccheri.

Ecco le ‘brutte cose’ che fa lo zucchero raffinato:

  1. lo zucchero aumenta la fame, non la diminuisce. Ti ricordi di quella fastidiosa sensazione di calo di energia, ronzio in testa, e desiderio di un boccone dolce che arriva dopo 2-3 ore dalla tua dolce colazione? Questo è il cosiddetto “Effetto Domino”: dopo un pasto esclusivamente o prevalentemente glucidico, arriva veloce la crisi di iperglicemia e iperinsulinemia, poi il glucosio nel sangue cala troppo e compare una incontrollabile fame chimica per le fonti di zucchero che tornano a riportare in alto glicemia e insulina …e così per tutto il giorno. È come essere al guinzaglio e vai dove ti porta lo zucchero-padrone.

Particolarmente dannosi per il loro Effetto Domino sono i dolcetti, gli snack, le bibite zuccherate, i succhi di frutta industriali. Uno studio inglese ha dimostrato che le persone che consumano regolarmente bibite zuccherate hanno un 37% in più di peso rispetto di quelle che consumano solo acqua o tisane! In qualcuno più predisposto, anche la frutta a stomaco vuoto crea l’effetto domino, ma qui entriamo nella individualizzazione Omeoculinaria di ricerca delle cause.

  1. lo zucchero crea dipendenza. Più la tua abitudine alimentare è orientata sui dolci, pane e pasta, più senti bisogno di dolci, pane e pasta. E’ una vera zucchero-dipendenza. Mangiare lo zucchero stimola il rilascio di oppioidi – neurotrasmettitori che attivano i recettori del piacere del cervello. Gli stessi recettori per l’eroina o la morfina. Purtroppo negli esperimenti si è visto che gli animali di laboratorio sottoposti ad una dieta liquida ad alto contenuto di zucchero vanno incontro a segni di astinenza, come ansia, tremori e depressione, come l’astinenza da alcol o droghe. Ma ci voleva la sperimentazione su poveri animali da laboratorio?? penso ai bambini e ai ragazzi irrequieti, disattenti, piagnucolosi, e con le gengive infiammate e denti cariati!! Le bevande zuccherate, i tè, i caffè dolci creano zucchero-dipendenza. E tutti i disturbi conseguenti che per noi MICI insorgono molto presto.

Come disintossicarsi? Le cose semplici non sono difficili. 

Elimina questi i cibi dannosi e mangia solo quelli che istintivamente vanno bene per te, manterrai sane sia la funzione digestiva, e quindi non avrai quelle ondate di succhi gastrici che ti danno la sensazione di languore e vuoto da riempire assolutamente, sia la funzione metabolica e quindi l’Effetto Domino. Non è difficile iniziare a disintossicarsi e trovare la tua alimentazione migliore: inizia da subito con il compilare giornalmente la tua scheda alimentare. Sai bene che potrai contattarmi e trovare comunque su Seeed.it gli alimenti testati da tutti noi Crohn e RCU. I benefìci della tua nuova dieta li noterai subito fin dai primi giorni, e avrai voglia di continuare. Come sempre sono rivoluzioni che partono da TE e da nessun’altro, dovrai prenderti cura di te stesso.

Fai il pieno di proteine, subito e spesso. Tutti hanno la necessità biologica per le proteine di qualità, anche se da fonti diverse come le vegetali. Se tu senti che la tua energia svanisce prima di pranzo, vuol dire che lo zucchero nel sangue è troppo basso! CAMBIA e inizia la tua giornata con una fonte di proteine e grassi per colazione. Sia le proteine che i grassi non ti danno effetto domino e forniscono energia che si mantiene costante per il corpo per tutto il giorno. Compila la tua scheda riportando gli effetti di modificazione.

Fai uno snack grasso proteico-appagante, quando hai voglia di uno snack dolce: una manciata di semi di Zucca Shine Skin o di Mandorle testate e senza olii aggiunti, Arachidi pelate, o Noci non trattate, Nocciole tostate, Fichi secchi e bacche Goji. Assicurati che questi nutrienti siano Glifosati-free mi raccomando perché questi veleni vengono depositati nell’organismo e interagiscono subdolamente sulla nostra flogosi intestinale. Ricordati che i valori di Arsenico organico per noi devono essere bassissimi, ricerca prodotti che lo segnalano.

NON usare più i dolcificanti artificiali, perché il tuo organismo percepisce il segnale del loro sapore dolce come un “arrivano calorie!” e dato che queste non arrivano, va a cercarle lanciandoti il segnale della fame. Non bere bibite zuccherate: hanno una potente azione di spinta su glicemia e insulina e fanno scattare immediatamente l”Effetto Domino”. Bevi invece una tisana o un decotto senza zucchero, sarai sorpreso del suo effetto anti-fame! Evita di comperare i cibi-trappola con zuccheri: caramelle, mentine, merendine. Hai comunque voglia di qualcosa di dolce? Mangia un po’ di cioccolata fondente allora!

Prova e verifica io sono a disposizione sempre: lacucinadilux@live.com

(D’adamo,Scaffidi)

LUX

 

Annunci